Porte a libro: l'ottimizzazione dello spazio

L'essenziale è invisibile agli occhi. Ed è proprio così.
Ciò che di essenziale c'è in una porta a libro sono i concetti al quale è ispirata: minimalismo e riduzione degli spazi. Oggetto semplice e lineare la porta a libro è assolutamente geniale: si piega in due come fosse un libro, per diventare di spessore piccolissimo, senza ingombrare.


A differenza della porta a soffietto (che assolve la medesima funzione), la porta a libro è molto più raffinata ed elegante. A vederla chiusa sembra una normale porta a due ante, invece è formata da due pannelli che una volta aperti, grazie ad un meccanismo di scorrimento, si accostano l'uno all'altro con un ingombro minimo.

Le porte a libro rappresentano l'evoluzione della tradizionale porta a soffietto in estetica e design; si rivelano dunque economicamente più vantaggiose rispetto alla pur splendida porta scorrevole a scomparsa, e sono altrettanto belle.
Una porta a libro consente dunque di recuperare spazio rispettando ogni ambiente: non necessita infatti di posa in opera particolari ma di un semplice montaggio. Può essere facilmente collocata in qualsiasi ambiente risultando elegante e discreta.

I vantaggi di una porta a libro risiedono nell'estetica che la contraddistingue e nella struttura; tanto belle che si fanno notare, ma una volta chiuse diventano quasi "invisibili". Ed è questo che stupisce in questo tipo di porte: l'unione tra ingegno, tecnologia e capacità di rispondere alle esigenze della vita quotidiana.
L'utente può in questo modo avere una vasta scelta di prodotti per trovare proprio quello più adatto a lui, dato che la diversificazione dei prodotti è presente anche nel settore delle porte a libro (anche per questa tipologia di porte la gamma è molto ampia).

Modelli e materiali   

Una panoramica sulla misura delle ante ed i

materiali dei pannelli.

Le porte a libro possono essere realizzate in varie misure a seconda delle dimensioni del foro. E' possibile dunque optare per modelli a due o tre ante, con pannelli di misure diverse.
Il binario di scorrimento viene posto in alto, al centro dello stipite, rendendo molto semplice la chiusura della porta, inoltre viene fissata l'anta anche lateralmente al telaio al fine di rendere la porta più stabile.

Le aziende le propongono in misure standard che possono arrivare fino a 2,15 metri di altezza, ma è possibile, ovviamente, anche la realizzazione su misura. I pannelli sono uniti tra di loro da cerniere particolari che rendono molto agevole l'apertura e la chiusura della porta. Sono disponibile con ante cieche (lisce e senza lavorazione) oppure con inserti in vetro o legno.

Per quanto concerne i materiali, i pannelli vengono realizzati sia in legno che in vetro, talvolta anche in alluminio. Se quelle in legno sono indicate per fungere da vere e proprie bussole, quelle in vetro sono più adatte per i bagni e il soggiorno o per suddividere gli ambienti.

Il vetro è leggero e "fresco", un materiale che non appesantisce e ha il pregio di non togliere la luce; il legno rappresenta invece la solidità e l'eleganza e può essere "alleggerito" con ante che hanno inserti in vetro decorato. Infine, l'alluminio è un materiale tecnologico e leggerissimo che può trovare collocazione in qualsiasi ambiente.